Resta aggiornato sulle iniziative di Manifattura Tabacchi

Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST – Habitat / Namsal Siedlecki > TOAST –
Toast Project Space, è un luogo di riflessione sui linguaggi e sulle pratiche della contemporaneità, un luogo di scambio di esperienze, che colma una distanza esistente tra pubblico e opera d’arte, attraverso una militanza e una rigenerazione costante dello scambio dialettico tra artista, critica e pubblico. Nasce nell’ex casotto della portineria nella Manifattura Tabacchi di Firenze, da un’idea dell’artista Stefano Giuri. Il progetto si è sviluppato nel corso dello svolgimento delle Residenze d’Artista promosse da Manifattura Tabacchi.
Artista:

Protagonista della mostra l’opera Viandante, una vasca galvanica in plexiglass in cui vi sono due sculture identiche, che rappresentano una figura umana con un mantello, fedele riproduzione di uno degli ex voto di Clermont-Ferrand e catalogata nel museo come un Viandante. Le due sculture sono state fuse in zinco, metallo ottenuto dalla fusione di circa ventiduemila monete che erano state precedentemente gettate nella Fontana di Trevi.

Le sculture immerse interamente nel liquido, una di fronte all’altra, e agganciate rispettivamente a due barre di ottone che attraversano la vasca, sono costrette a uno scambio perpetuo di materia. Ogni tre giorni la polarità della vasca galvanica viene invertita facendo sì che la scultura perda materia per donarla al suo simile, mentre nei tre giorni seguenti la stessa scultura, che ha ricevuto materia, la restituisce all’altra e così avanti all’infinito.

Opere esposte:

Namsal Siedlecki. Viandante, 2020.

Vasca di plexiglas, barre di ottone, cavi elettrici, raddrizzatore di

corrente, due sculture di zinco, 50 litri di liquido di zincatura acida. Dimensioni variabili