Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST – Chunk / Marcello Spada > TOAST –
Toast Project Space, è un luogo di riflessione sui linguaggi e sulle pratiche della contemporaneità, un luogo di scambio di esperienze, che colma una distanza esistente tra pubblico e opera d’arte, attraverso una militanza e una rigenerazione costante dello scambio dialettico tra artista, critica e pubblico. Nasce nell’ex casotto della portineria nella Manifattura Tabacchi di Firenze, da un’idea dell’artista Stefano Giuri. Il progetto si è sviluppato nel corso dello svolgimento delle Residenze d’Artista promosse da Manifattura Tabacchi.
Artista:

 

Chunk è un volume industriale di gommapiuma  rivestito di un tessuto sintetico che imita il pelo animale. La scultura può essere allestita senza restrizioni architettoniche, dimostrandosi come un solido elementare,  oppure può essere compressa in uno spazio,  anche quando questo non è pienamente capace di contenerla.

Opere esposte:

Chunk, Marcello Spada, a cura di Gabriele Tosi

Marcello Spada, Chunk, 2020, Poliuretano, tessuto, 220x160x215 cm

In collaborazione con Lottozero Texile Laboratories

Foto Vladimir Chernysh